Boston, in arrivo un maxi ostello

A Boston il terzo ostello più grande degli USA

di Monia Ruggieri 25 maggio 2012 10:31

Perché, diciamocela tutta, il fatto che si voglia risparmiare e quindi si propenda per una vacanza low cost, non è assolutamente collegato alla mancanza di confort e accoglienza. Appunto per questo motivo, e soprattutto per i viaggiatori “zaino in spalla”, tra i quali l’alloggio in ostello sta prendendo sempre più piede, a Boston, capitale del Massachussets, si fanno le cose in grande! Infatti, il prossimo 22 giugno, proprio nella città più chic degli Stati Uniti, aprirà un vero e proprio paradiso del risparmio: si tratta di un ostello, certamente non di uno qualsiasi; stiamo parlando del terzo ostello più grande degli USA.

Indubbiamente si tratta di una dolce novità soprattutto per i turisti, quasi 46.000 tra i 18 ed i 30 anni, che visitano ogni anno la città e che non vogliono spendere una fortuna: questo nuovo ostello cercherà di coniugare le esigenze di ogni giovane viaggiatore, accoglienza e risparmio. Ovviamente la città puppula di ostelli di ogni tipo, da quelli essenziali a quelli di design, da quelli davvero economici a quelli dotati di ogni confort. L’Hostelling International USA, questo il nome del nuovo alloggio a Boston, grazie ai suoi enormi spazi, sarà in grado garantire diverse soluzioni per le vostre esigenze, confort e pulizia, ma senza rinunciare al risparmio tipico di questo tipo di sistemazione notturna.

Infatti non avrete a disposizione soltanto dormitori e bagni in comune, ma anche più di cento camere private, con relativi servizi, eleganti e colorate, nonché rispettose dell’ambiente grazie ad alcuni accorgimenti in vista del risparmio energetico. L’Hostelling International USA mette a disposizione dei propri ospiti, e non solo, anche una spaziosa lobby, dove potersi ristorare nel coffee shop o regalarsi qualche momento di prezioso relax. E’ inclusa la connessione ad internet wi-fi, e le porte dell’atrio sono aperte anche a chi non è ospite dell’ostello. Ancora una volta, la patria dell’Università di Harvard, si conferma capitale dei giovani. 

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti