Barcellona, una metropoli da vivere

Non sapete dove trascorrere le ultime giornate estive? Visitate Barcellona, la città catalana per eccellenza

di Monia Ruggieri 29 agosto 2013 10:53

Barcellona rende le cose facili a suoi visitatori: è certamente una metropoli, ma la sua superficie è piuttosto modesta. Poiché la crescita della città è avvenuta a “scossoni”, quasi tutte le mete interessanti si concentrano in precise zone: quindi molti luoghi di spicco sono raggiungibili a piedi.

Ma non è importante riuscire a fotografare tutte le opere di Gaudì o sapere di ogni singolo palazzo gotico quando e perché è stato costruito. Molte cose a Barcellona non devono essere osservate, visitate o spuntate sulla lista delle attrazioni; devono essere vissute dall’interno, bisogna tuffarsi in questa atmosfera e lasciarsi trascinare. Solo in questo modo si può familiarizzare veramente con Barcellona. Più dei giri turistici organizzati, infatti, sono consigliabili le passeggiate da soli, da fare spinti dalla grande curiosità, mettendosi alla ricerca di tracce di epoche ed atmosfere diverse. Le sorprese non mancheranno. Solo in questo modo si impara non soltanto a conoscere Barcellona, ma anche ad amarla e viverla a 360 gradi.

Barcellona, capitale del modernismo, offre ai suoi visitatori anche e soprattutto l’arte; la quale non riguarda necessariamente solo musei tradizionali, infatti è ben rappresentata anche la cultura dell’era industriale (Picasso, Mirò, Gaudì).

I visitatori appassionati d’arte dovranno necessariamente tener presente fin dall’inizio del tour che, in fatto di musei, Barcellona, con alcune eccezioni, deve ancora recuperare molto terreno rispetto alle altre metropoli europee. Dal 1985, però, grazie alle amministrazioni comunali, è in corso un piano di recupero per ampliare l’offerta ai turisti, e non solo. Ciò nonostante, la rimanente offerta è tanto varia da permettere ad ognuno di trovare l’esposizione di suo interesse. Chi desidera avere un panorama completo delle varie possibilità, può certamente visitare il computer-shop che il governo regionale catalano ha istituito sotto le arcate all’angolo Rambla – Carres Portaferrissa, dove si può richiedere un programma di musei computerizzato, adatto ai gusti personali. I prezzi dei biglietti d’entrata sono in generale piuttosto accessibili: inoltre per studenti ed anziani vi sono tariffe speciali, mentre in alcuni musei l’ingresso è totalmente gratuito.

59 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti