City-break a Lione, la città delle luci

Godetevi un weekend in una delle città più belle di Francia. Passeggiate tra un quartiere della seta e le rovine romane

di Giusy Scibelli 20 luglio 2012 15:16

Che ne dite di partire per un bel weekend alla scoperta di Lione? Parliamo di una delle città più belle della Francia, attraversata sia dal fiume Rodano che dal Saona; attraverso i suoi quartieri si attraversano ben 2000 anni di storia, passando da classici esempi di architettura romana fino a quella moderna e più avanguardista.
Non è difficile raggiungerla grazie alle tratte di Easy Jet, compagnia aerea low cost, che propone voli a prezzi spesso molto convenienti diretti nella cosiddetta città delle luci. Atterrerete così all’aeroporto Saint-Exupery (lo scrittore-aviatore de “Il Piccolo Principe” nacque proprio a Lione) e potrete raggiungere il centro della città con il treno. A darvi il benvenuto ci pensa la stazione del TGV, opera dell’architetto Santiago Calatrava.

La città è sufficientemente a portata d’uomo, ci si sposta facilmente a piedi, con la metropolitana (in servizio fino a mezzanotte), ed eventualmente con la bicicletta, grazie ai ben 5 km di pista ciclabile che collegano il Parco di Gerland, e la relativa zona sud di Lione, con la zona del parco Tête d’Or. In quest’ultima ritroverete il Centro Congressi che rientra nella struttura del Cité internationale, progetto di Renzo Piano.
Un meraviglioso centro storico, il Vieux-Lyon, particolare per i suoi caratteristici traboules, appositi passaggi coperti che passano per le abitazioni private consentendo di raggiungere il fiume. Questi passaggi nacquero proprio dall’esigenza di accedere rapidamente al Saona. Potrete ricevere una mappa che descrive la disposizione dei traboules presso l’Ufficio del Turismo.

Quando si raggiunge poi la collina di Fourvière ecco uno splendido parco archeologico nel quale troneggia il teatro romano più antico della Gallia; e ancora resti di strade e negozi d’epoca romana. Una volta raggiunta la collina potrete visitare anche la Basilica di Fourvière, dalle molteplici influenze stilistiche, oppure il Museo gallo-romano.
Da qui potrete facilmente raggiungere l’altro colle di Lione e il relativo quartiere di Croix Rousse, quartiere dei tessitori e della seta pregiata. Ultimamente questa zona di Lione ha acquistato grande vivacità: potreste qui sedervi e gustare qualche piatto della cucina francese in uno dei tipici bistrot, oppure assistere alle partite di bocce nel bel mezzo delle piazze del quartiere.

Dulcis in fundo, nel cuore di Lione, la Presqu’île, Patrimonio dell’Unesco. Questo è il quartiere sede dell’amministrazione lionese, con gli edifici del Municipio, del Comune, oltre l’opera e i vari teatri. Sedetevi ed assaggiate le specialità culinarie lionesi presso i cosiddetti bouchon, dopo magari farete visita al Museo Lumière, e visiterete il deposito in cui venne girato il primo film in assoluto.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti