I luoghi d’Italia più infestati da fantasmi

Una vacanza alternativa: nel Belpaese alla ricerca di fantasmi

di Monia Ruggieri 15 maggio 2012 18:10

Che voi ci crediate o meno, esistono luoghi nel nostro Belpaese (e non solo) dove pare che i fantasmi facciano la loro comparsa. Se siete stanchi delle solite vacanze alla ricerca del mare più bello o del museo più artistico o dei paesaggi più affascinanti, allora dedicate la vostra prossima vacanza ad un viaggio un tantino irresponsabile, alla ricerca di tutte quelle città infestate dai fantasmi. Pronti per un viaggio all’insegna del brivido?

Iniziamo il nostro tour da Genova e precisamente dalla Chiesa di San Matteo. Infatti si dice che all’interno della chiesa sia apparsa più di una volta la figura di un nobile della casata dei Doria. Un altro fantasma pare sia spesso avvistato nella zona della chiesa di San Donato. Ma non è tutto: anche il Palazzo Rosso, quel che resta del convento di San Silvestro e la Casa del Boia sarebbero location dove a volte figurano gli spettri. In Piazza Cavour, addirittura, a volte sembra che si sentano dei lamenti, probabilmente dei condannati a morte che un tempo passavano per quella via.

Altra città infestata è la bellissima Torino. E’ stata sempre meta di personaggi in cerca di misteri e fantasmi, tanto che anche nel XVI secolo fu la location per un importante incontro di alchimisti, i quali credevano che sotto Palazzo Reale ci fossero delle Grotte Alchemiche. I fantasmi in questa città sembra che vaghino a Palazzo Reale e a Palazzo Trucchi di Levaldigi.

Anche il Teatro Massimo di Palermo, il più grande e maestoso edificio teatrale lirico d’Italia, pare che ospiti degli spettri. n particolare si parla dell’ombra di una monaca di bassa statura che è apparsa sia sul palco, sia dietro le quinte. Si raconta che per elevare questo edificio, sia stat profanata la tomba di una suora. Che ora la donna di chiesa voglia vendicarsi?

Chissà che non scoprirete nuovi luoghi frequentati da spettri nelle vostre prossime vacanze…

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti