L’isola più piccola del mondo e la sua storia

La storia della famiglia Sizeland divenuti famosi loro malgrado.

di Maria Barison 28 Febbraio 2021 3:47

Questa è la storia della famiglia Sizeland e su come la loro proprietà è divenuta una meta turistica oltre che un record riconosciuto dal guinness dei primati. Just Room Enough Island è l’Isola che appartiene alla famiglia in questione ed ecco come sono diventati l’Isola più piccola del Mondo.

Il nome non è casuale “Just Room Enough Island” tradotto viene “L’Isola per una stanza” ed è proprio così che i 300mt quadrati di casa della famiglia Sizeland sono rappresentati. Una piccola casetta con una stanza per farci stare tutte le necessità della vita quotidiana. Perché tanta attenzione per quest’Isola? Deve la sua fama al Guinness World Record che l’ha decretata come l’Isola più piccola del mondo, togliendo questo primato a Bishop Rock, un faro solitario su una piccola roccia che dopo la sua automatizzazione ha reso inutile la figura del guardiano e perdendo quindi i diritti di essere chiamata Isola.

Sì perché per diventare un’Isola ci sono dei requisiti da rispettare. Il primo è sicuramente quello legato al terreno che deve restare fuori dall’acqua per almeno 1 anno intero. Poi l’isola deve avere almeno due alberi in vita ed a questa evenienza ci pensò la stessa famiglia Sizeland quando ha cominciato a prendersi cura di questo pezzo di terra situato tra l’Ontario e lo Stato di New York, nell’arcipelago delle Thousand Islands, che decise di piantare proprio due alberi su quel terreno. Un altro fattore è la grandezza che deve rispettare uno standard minimo di 0,093 metri quadrati di superfice calpestabile. Da quando i Sizeland hanno deciso di costruirci questa piccola casetta “stanza” che hanno cominciato a bussare alla loro porta i giudici dei World Records rendendo il loro posto “tranquillo” un’attrazione turistica a tutti gli effetti.

Il Washington Post la descrisse come “un passo falso e stai nuotando” ed i Seizeland non amano particolarmente le orde di turisti che ricevono in visita. Loro malgrado però, da quando hanno deciso di renderla un’Isola non possono far altro che accogliere la fama e chiunque fosse incuriosito dalla loro storia con pazienza. Renderla ancor più graziosa con dei deliziosi mobili da giardino fa venir voglia di essere visitata anche da noi a pensarci. Chisà in quanti si sentirebbero sicuri a dormire in mezzo ad un corso d’acqua che potrebbe ingrossarsi da un momento all’altro, anche se per rimanere più di 1 anno fuori dall’acqua significa che i rischi sono veramente irrisori. Chi di voi vivrebbe su un’Isola così?

Fonte

Commenti