Mangiare pagando con il baratto

Zucchine, melanzane e pomodori in cambio di una ricca cena: ci state?

di Monia Ruggieri 6 settembre 2012 14:03

Non siamo tornati nella preistoria, dove il baratto rappresentava l’unica possibilità di scambio merce e pagamento. Siamo nel 2012 però, e il baratto è tornato di moda. Avete mai immaginato di mangiare del buon cibo all’interno di una trattoria e pagare il conto regalando qualcosa al proprietario? Ebbene, se in tempi di crisi mangiare al ristorante rappresenta quasi un’oasi nel deserto, ora dovrete ricredervi!

A Firenze, infatti, è nata la prima osteria nella quale sarà possibile, per chi lo vorrà, pagare il conto con il baratto. Quindi la cucina vi proporrà i piatti più gustosi della tradizione fiorentina e voi potreste pagare donando qualche prodotto della terra o qualche vostro manufatto. Ben presto, dunque, aprirà questo locale nel centro storico di Firenze il cui nome sarà “L’è maiala” ed ha già fatto parlare molto di se. Il locale avrà a disposizione soltanto 40 posti e sarà arredato come una delle più tradizionali osterie e promette di far riscoprire e riapprezzare i classici piatti della tradizione popolare, le ricette della nonna per capirci, offrendo ai propri clienti dalle porzioni abbondanti e dei prezzi contenuti. O, per chi volesse, la possibilità di pagare offrendo prodotti della terra, prodotti dell’uomo e manufatti d’antiquariato.

Ecco le parole in merito della titolare Donatella Faggioli:

“Chi intenderà barattare, anziché saldare il conto in moneta, dovrà farlo per telefono, al momento della prenotazione. A quel punto si aprirà una trattativa di scambio da cui verrà fuori, in caso di accordo, il menù offerto a fronte di un paniere di cose che accetteremo in pagamento. La fase più divertente da vivere a tavola con noi sarà proprio quella di assistere a veri e propri momenti di “mercanteggio” pre e post-pasto, come avveniva un tempo nelle vecchie botteghe fiorentine”

Certamente si tratta di un’idea originale e coinvolgente, e che permetterà alle famiglie provenienti da ogni ceto sociale, di andare a cena fuori senza spendere una fortuna.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti