Marocco, viaggio a Tangeri

Terra dalle mille sfaccettature, il Marocco è meta di tantissimi turisti e appassionati. Scopriamo questo angolo magico.

di Monia Ruggieri 13 aprile 2012 15:35

Il Marocco è una meta prediletta dei turisti e dei viaggi organizzati della Costa del Sol. La morfologia del Marocco è molto simile a quella dell’Algeria. Le montagne dell’Atlante separano le fertili regioni costiere del deserto del Sahara. La maggior parte della costa del Marocco (circa 1600 km) si affaccia sull’Atlantico; soltanto 400 km circa sono bagnati dal Mediterraneo.

La popolazione del Marocco vive prevalentemente in quel tratto di costa tra la capitale, Rabat, e Casablanca, la più grande città del Paese. I turisti arrivano soprattutto per il mare, le spiagge e le pittoresche e vivaci città. Rabat, Fez e Marrakech hanno splendidi monumenti islamici. Dalla capitale si giunge a Sale, un grazioso centro con vicoli, case prive di finestre, portici e porte con elaborati intagli, in un’atmosfera che ricorda quella di Cordoba. Casablanca, invece, è solcata da ampi viali costeggiati da palme. Fez è il centro culturale, intellettuale e religioso di tutto il Marocco, mentre la meravigliosa Marrakech gode di una vista mozzafiato.

Di solito si immagina Tangeri come una città decadente e pericolosa; ebbene, passeggiando per le viuzze della medina (l’area legata al bazar e alla moschea) e gli ampi boulevard della Ville Nouvelle (città nuova) si cambierà idea. Nelle moschee non si può entrare, ma in compenso sono numerosissimi i ristoranti con spettacoli di danza del ventre.

Dopo il bagno di folla della medina, ci si può riposare nei giardini Mandoubia e nel Da el Makhnez, esposizione dell’artigianato moresco nel palazzo dove un tempo risiedeva il sultano.

Le guide di Tangeri amano mostrare ai turisti le ville dove hanno abitato celebrità come i miliardari americani Barbara Hutton e Malcolm Forbes. Più interessanti, anche se solitamente affollate, sono invece le Grotte di Ercole, lungo la costa. Si tratta di grotte prodotte dell’azione delle onde del mare sulla pietra e su di esse circola una leggenda, infatti si narra che queste grotte furono la dimora di Ercole, quando separò l’Europa dall’Africa. Un motivo in più per visitare ed amare questa terra genuina!

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti