Un viaggio da mille e una notte

Per rivivere le emozioni fiabesche del 1920, con tanto confort in più

di Monia Ruggieri 21 settembre 2012 11:52

Volete tornare indietro nel tempo e vivere come se foste in una favola? Non ci sono i fratelli Grimm e le loro storie fantastiche scritte a quattro mani, ma usando un po’ di fantasia, non vi sarà difficile fare un viaggio da mille e una notte.

Il 4 ottobre 1883 il famoso Orient Express effettuò la sua prima corsa. Questo era il tragitto originario: da Parigi a Giurgiu, città della Romania, passando per Monaco di Baviera e Vienna. Poi ripartendo da Giurgiu, attraversando il Danubio via nave in Bulgaria, si arriva a prendere un altro treno per Varna, per arrivare infine all’antica Costantinopoli, ovvero l’attuale Istanbul, utilizzando il traghetto, quindi via mare. Gli itinerari nel corso degli anni sono cambiati e anche i treni, infatti la Compagnie Internationale des Wagons-Lits ha ideato treni sempre più veloci e confortevoli. Col tempo l’afflusso di gente è andato scemando tanto che nel 2009, dopo che la tratta era stata ridotta a Parigi – Vienna, l’Orient Express è stato definitivamente cancellato.

Oggi è possibile varcare le porte di quelle lussuose carrozze: infatti le carrozze originali del 1920 sono state restaurate dalla Venice Simplon Orient Express e rese ancora più eleganti e confortevoli. Ciascuna carrozza è dotata di vari confort, quali  bagni privati con tanto di acqua calda, prese elettriche per l’utilizzo del pc e accessori da toeletta, per non parlare del ristorante dal cibo prelibato con bicchieri di cristallo.

Il treno dalle mille e una notte si mette in moto soltanto una volta all’anno e non è certamente destinato alla classe media. Si parte da Parigi per arrivare ad Istanbul passando per Budapest, Bucarest, Sinaia e Verna. Si ha tempo fino al 30 agosto 2013 per approfittare di questo viaggio sull’Orient Express, che qualcuno ha addirittura definito il viaggio della vita. Il costo? Ben 14.000 euro, sicuro che il lume valga la candela?

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti