Un viaggio in Provenza: come essere in una cartolina…

di Giusy Scibelli 11 ottobre 2011 11:30

Campi interminabili e profumatissimi di lavanda, case di campagna, villaggi piccoli e suggestivi, castelli e mercatini colorati: quando si parla di questa zona della Francia tutti si immaginano quei meravigliosi paesaggi da cartolina.
Ed è qui ,dove la vita scorre con un ritmo lento, distante dalla frenecità di altri centri turistici, che potreste godervi un soggiorno senza paragoni .
Questa regione, a sud-est della Francia, attira sempre più turisti grazie alla mitezza del clima, alle sue città d’arte, al ricco patrimonio enogastronomico e al meraviglioso litorale.

Vogliamo partire proprio da quest’ultimo: in effetti la Provenza non è forse nota per le sue località di mare, eppure qui siamo nel bel mezzo del Mar Mediterraneo,con viste spettacolari su acque cristalline e cittadine coloratissime come Martigues e Saints Maries de La Mer, che offrono il meglio della cucina di mare.
Arriviamo poi alla Provenza interna, che risponde di più al classico ideale di “Provence” che tutti ci siamo fatti: mercati di formaggi, saponi, lavanda in ogni dove, cibo ottimo e raffinato…
Arlés è la “musa ispiratrice” di Van Gogh e racchiude testimonianze di un passato romano, Salon de Provence è il paese che ospitò il grande profeta Nostradamus, Avignone è noto per il palazzo dei Papi, Aix en Provence è la città degli universitari e dei turisti, con meravigliosi palazzi e viali alberati, nonchè città del grande pittore Cezanne.
Meta immancabile per un tour completo in questa regione meravigliosa è Camargue, sita a metà tra litorale e zona interna. Questa località offre uno spettacolo naturale davvero unico, dovuto all’azione della Bocca del Rodano e del mare. Un parco naturale noto in tutto il mondo, suggestivo con le sue dune, i cavalli bianchi, gli stagni e tutto ciò che lo rendono così magico.

Scoprite la Provenza: sarà un viaggio in nome di sapori, odori e colori di una Francia da favola!

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti