Una ex hostess si confessa

Racconti divertenti ad alta quota

di Monia Ruggieri 4 settembre 2012 13:31

Al sito Skyscanner, leader nella scelta e nelle news sulle offerte e le destinazioni d viaggio, un’ex hostess ha rilasciato un’intervista confessando quello che ha visto e sentito in alta quota.

La cortesia aiuta sempre

“Fate attenzione al modo con cui trattate l’equipaggio di cabina, essere scortesi potrebbe condurvi a qualcosa che va al di là di una risposta brusca. Una volta abbiamo avuto la disgrazia di dover volare con un gruppo di adolescenti estremamente sgradevoli di ritorno da Amsterdam. Erano così scortesi verso di noi che abbiamo deciso che il loro comportamento meritava una bella lezione. Così abbiamo telefonato in anticipo alla dogana segnalando agli agenti il nostro sospetto sul possibile trasporto di droga tra i passeggeri. Speriamo che abbiano fatto un ricerca molto approfondita e magari migliorato le loro maniere!”

Sesso ad alta quota

“Magari starete pensando di volare sotto il radar, quando furtivamente cercate una nicchia per degli scambi amorosi ad alta quota (mile high), ma personale di bordo conosce tutti i trucchi degli amanti (molti li hanno testati!). Su un volo abbiamo scoperto una coppia che era sgattaiolata verso la toilette per degli attimi di passione volante, così noi tre ci siamo messi proprio davanti a spettegolare, in attesa di salutare la coppia un po’ imbarazzata al termine della loro avventura in spazi ristretti.”

Sacchetti non svuotati

“Di tanto in tanto, quando si è di corsa, non c’è tempo di controllare tutte le tasche dei sedili. Su un volo, abbiamo avuto a bordo l’attore Ricky Butcher e per qualche ragione infilò la mano nel sacchetto per vomitare nella tasca del sedile. Il povero attore aveva inavvertitamente immerso il palmo della mano in un sacchetto… Ancora pieno.”

Le sbornie e la cura

“E’ vero, la vita del personale di cabina può essere piacevole. Si vola in tutto il mondo, spesso trascorrendo solo una notte in un luogo e incontrando un sacco di gente. Questo porta a fare un sacco di nottate divertenti, ma sempre con levatacce pesantissime. Non è sfuggito all’equipaggio di bordo di darsi un aiutino grazie a del terapeutico ossigeno, giusto quel tanto per assopire la sbornia della serata precedente.”

Senza passeggeri

“Di tanto in tanto capita di volare su aerei senza clienti. Spesso i voli più divertenti, perché, ovviamente, c’era molto poco da fare. A volte, durante il decollo, ci piacerebbe utilizzare i vassoi per scivolare lungo il corridoio. Sareste sorpresi di quanta velocità si potrebbe prendere su un vassoio per il pasto, ma la moquette che brucia sarebbe un po’ pericolosa.”

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti