5 posti da vedere prima che “scompaiano” (FOTO)

Prima che i cambiamenti climatici e il turismo li contaminino per sempre, il consiglio è quello di visitarli prima della loro "dipartita".

di Simona Vitale 19 Novembre 2013 19:22

3. Machu Picchu e Choquequirao 
Dove: Perù

Machu Picchu

Lo sviluppo influisce notevolmente sui resti dell’antica civiltà di Choquequirao, conosciuta come “l’altro Machu Picchu.” Il governo peruviano ha recentemente annunciato la costruzione di una funivia a 3 miglia di distanza da Machu Picchu, “città sorella.” Di conseguenza, il turismo esploderà da cinque visitatori al giorno a 3.000 quando si aprirà nel 2015. L’intento del tram è di alleviare l’onere per Machu Picchu, che limita i visitatori già a 2.500 al giorno e richiede prenotazioni per percorrere il famoso Inca Trail. Un viaggio in una di queste antiche città permetterà ai visitatori di ammirare splendidi paesaggi montuosi e l’imponente architettura antica.

4. Mt. Kilimanjaro 
Dove: Tanzania

Kilimanjaro

Pochi luoghi al mondo sono pittoreschi come il massiccio vulcanico del Kilimangiaro. La vetta più alta dell’Africa è amata da escursionisti ed è stata riportata in vita nel racconto di Hemingway, Le nevi del Kilimangiaro . Uno studio pubblicato dai Proceedings of National Academy of Sciences dice che queste nevi sono suscettibili di scomparire per sempre da qui a 20 anni, affermando che l’85 per cento della calotta di ghiaccio è già scomparsa durante il secolo scorso. Per avere la migliore esperienza di arrampicata sul Kilimanjaro, i visitatori dovrebbero prendere in seria considerazione un operatore che è registrato, ha guide qualificate e segue una politica ambientale.

5. Grande Barriera Corallina 
Dove: l’Australia

Barriera corallina

Conosciuta come uno dei siti di immersione più importanti del mondo, la Grande Barriera Corallina è affetta da aumento della temperatura dell’oceano, dall’inquinamento delle acque e dalla pesca, che stanno causando l’erosione della più grande barriera corallina del mondo. Secondo il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, il tasso di disintegrazione della barriera è senza precedenti; alcuni scienziati dicono che potrebbe essere morta entro i prossimi 40 anni. Con una tale varietà unica e spettacolare di coralli, pesci e altra vita marina, i viaggiatori dovrebbero mettere questo viaggio in cima ai prossimi appuntamenti. Ma quando la visiterete il consiglio è quello di guardare e non toccare: il corallo si danneggia facilmente.

Commenti