FAI: un patrimonio aperto al pubblico

Questo week end, sabato 23 e domenica 24 marzo, sarà la giornata di primavera del FAI. Scopri le bellezza d'Italia.

di Monia Ruggieri 23 marzo 2013 14:50

Sapete cos’è il FAI? Il FAI è il Fondo Ambiente Italiano, un’associazione che si occupa della valorizzazione dei monumenti artistici italiani. Ogni anno questa associazione presenta la giornata mondiale del Fai, che quest’anno coincide proprio con questo week end. Lo slogan è “2 Giorni per scoprire l’Italia, 365 giorni per amarla“. Quest’anno, come abbiamo prima accennato, le giornate previste per omaggiare i monumenti internazionali sono oggi e domani, quindi 23 e 24 marzo 2013.

Quel che è certo è che il lavoro e il contributo del FAI non si limita ovviamente a questi due giorni, ma continua tutto l’anno: infatti, grazie anche tutti i cittadini privati, ma anche le istituzioni e le aziende interessate, contribuisce affinché i luoghi, i monumenti e l’arte italiana in genere venga valorizzata, rispettata, protetta e non dimenticata.

Proprio in questo weekend, ovvero  questo sabato 23 e domani, domenica 24, molti luoghi della cultura che sono solitamente chiusi o che hanno un ingresso a pagamento vengono aperti al pubblico, in modo del tutto gratuito: ovviamente si tratta di una occasione da prendere al volo, sopratutto in questi tempi di crisi.

Al FAI ci si può anche iscrivere, per tenere così “sotto controllo” i progressi e le iniziative del Fondo Ambienta Italiano. Tanti sono i vantaggi per chi si vuol associare:

  • Ingressi gratuiti nei 25 Beni FAI in tutta Italia e nei Beni del National Trust nel Regno Unito.
  • Abbonamento gratuito al Notiziario trimestrale del FAI riservato agli Iscritti.
  • Corsie preferenziali e visite esclusive durante le giornata FAI di primavera.
  • Incontri, visite guidate, concerti  e conferenze organizzati dalle 116 Delegazioni FAI sul territorio nazionale, e non solo.
  • Viaggi in compagnia di esperti e guide turistiche.
  • Ingresso gratuito in oltre 450 musei, dimore storiche, teatri e giardini italiani.
  • Possibilità di soggiornare in decine di dimore d’epoca.
  • Ingresso scontato alle mostre più importanti, come: Skira, Arthemisia, Artematica, Civita e DNArt.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti