In viaggio con Harry Potter: dall’Inghilterra alla Scozia, alla scoperta dei luoghi della saga

di Giusy Scibelli 22 settembre 2011 11:15

Harry Potter è diventato in questi anni un fenomeno culturale mondiale. La famosa saga del maghetto ha spinto fans di mezzo mondo a visitare i luoghi cult della storia che ha “stregato” piccoli e grandi. Dal centro urbano di Londra, passando per le colline inglesi e culminando poi nelle suggestive lande scozzesi.
Alcune agenzie di viaggio online, hanno colto l’occasione, organizzando squisiti viaggi a tema per gli amanti, che siano bimbi o meno, del magico mondo creato dalla Rowling (affrettatevi perchè è proprio di questi periodi che partono le offerte stracciatissime).
Quale miglior punto di partenza si poteva scegliere come prima tappa? Sicuramente la stazione londinese di King’s Cross dove è stato appositamente ricreato il fantomatico “Binario 9 e 3/4” , con tanto di targa e carrello portabagagli che “entra” nel magico portale. Si parte poi alla volta di Oxford, dove molte delle scene di Hogwarts sono state girate: i chiostri sono infatti del New College, mentre gli interni  appartengono al Christ Church College e al Bodleian library.

Per ricostruire il “mosaico”, i cui pezzi sono tutti in Inghilterra, della scuola di Magia e Stregoneria, basta recarsi nel Wilthshire presso l’abbazia di Lacock, fatta costruire dalla contessa di Salisbury sotto il regno di Enrico III;  il favoloso castello che ammiriamo in molte delle riprese è quello di Alnwick, sito nell’omonima cittadina nel Northumberland, presentato come il secondo castello abitato più grande del Paese. Curiosità riguardo al castello: fatto restaurare nel 1300 da tale Percy di Alnwick, fu scelto già precedentemente come ambientazione di alcuni film, tra cui “Robin Hood, il principe dei Ladri”.
Il Ministero della Magia, dal quale vengono emanate le leggi del mondo dei maghi, in realtà è il Dipartimento dell’Energia di Scotland Place a Londra, mentre il ponte distrutto in una scena de “Il Principe Mezzosangue”, potrete vederlo fortunatamente “integro”, noto come Millenium Bridge.
Tappa forzata sarà Trafalgar Square, la piazza dove i mangiamorte sferrano il loro attacco, nonchè fra le più note piazze di Londra.


Se poi avete amato quella natura un pò aspra e un pò selvaggia de “I doni della morte” dirigetevi verso le Highland scozzesi, nelle zone di Glencoe, Lochaber e Glenfinnan: paesaggi e atmosfere “magiche” contrasteranno sicuramente con il caos londinese, ma per gli amanti degli spazi aperti e verdeggianti sono da non perdere.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti